Soncino e il suo Territorio - I Personaggi

LA MONACA DI MONZA


Marianna de Leyva, meglio conosciuta attraverso l'abile penna del Manzoni come la Monaca di Monza, ebbe un destino crudele fin dalla sua pi¨ tenera etÓ ed in un certo qual modo molto legato a Soncino. Nata nel 1575, quasi subito orfana della madre, fu affidata ancora bambina alla zia paterna e madrina di battesimo a cui aveva dato il suo nome. La zia era sposata con Massimiliano II Stampa, marchese di Soncino che dimorava nella Rocca Sforzesca soncinese: testimone della prima travagliata esistenza della piccola Marianna. Infatti sia lo zio Massimiliano (dopo la morte della moglie si farÓ frate Cappuccino e morirÓ mentre si dedicava alla conversione dei mussulmani, proclamato in seguito beato) che la zia Marianna erano dei ferventi religiosi spinti all'eccesso ed al fanatismo. La fanciullezza della futura monaca crebbe, quindi, in un clima oppressivo e maniacale, circondata non solo da personaggi negativi, ma anche da opere d'arte profondamente violente per la sensibilitÓ di una bambina. Basti vedere le scene pittoriche della chiesa di Santa Maria delle Grazie, cappella privata della famiglia Stampa, famose per la loro crudezza e violenza.
E se quest'infanzia soncinese del personaggio manzoniano Ŕ di recente scoperta, tutti conoscono le vicissitudini della famosa Monaca attraverso il romanzo dei Promessi Sposi. Pochi sanno, per˛, che Marianna venne condannata per le sue colpe passionali con Gian Paolo Osio e fu murata a vita in una cella di due metri e quaranta per un metro e ottanta. Rinchiusa nel 1608 ne uscirÓ tredici anni dopo, grazie al perdono del cardinale Borromeo, con indosso la medesima veste e con i segni della sporcizia e delle malattie subite. MorirÓ a 75 anni, l'ultima sopravvissuta a tutti i personaggi manzoniani.

Torna